Scroll Top
Via Antonio Amato, 20/22 84131 Salerno (SA)

Database: SQL vs No-SQL

database sql o no-sql

(articolo redatto da Gaetano De Pascale)

La problematica della gestione dei dati sta diventando sempre più critica in un mondo sempre più digitale e interconnesso. La quantità di dati prodotti e raccolti da aziende e organizzazioni di tutti i tipi è in continua crescita, e la necessità di gestirli in modo efficiente e scalabile diventa sempre più cruciale.

La gestione dei dati richiede l’utilizzo di strumenti specifici, come i database, che consentono di archiviare, organizzare e recuperare grandi quantità di informazioni in modo coerente e strutturato. In questo contesto, il mondo dei database è diviso principalmente in due categorie: i database relazionali SQL e i database non relazionali No-SQL.

In questo articolo, esamineremo le caratteristiche principali di queste due categorie di database, esploreremo le loro differenze e analizzeremo i casi d’uso in cui uno è più adatto dell’altro.

Che cos’è un database SQL?

Un database SQL (Structured Query Language) è un tipo di database relazionale in cui i dati sono organizzati in tabelle con righe e colonne. Le tabelle sono connesse tra loro tramite chiavi primarie e chiavi esterne, che consentono di creare relazioni tra i dati. SQL è un linguaggio di interrogazione utilizzato per accedere, modificare e gestire i dati in un database relazionale.

I database SQL sono noti per la loro affidabilità, la loro scalabilità e la loro flessibilità. Sono ampiamente utilizzati in applicazioni aziendali e in ambienti in cui i dati devono essere altamente strutturati e organizzati. Tuttavia, i database SQL hanno anche alcune limitazioni, tra cui la difficoltà di gestire grandi quantità di dati non strutturati, la complessità delle query e l’inefficienza nell’elaborazione di dati in tempo reale.

Che cos’è un database No-SQL?

Cos’è un database No-SQL?

Un database No-SQL (Not Only SQL) è un tipo di database non relazionale in cui i dati sono organizzati in modo flessibile, senza la necessità di una struttura rigida come le tabelle utilizzate nei database SQL. I dati sono memorizzati in formati come documenti, colonne o grafi, e le relazioni tra i dati sono gestite in modo diverso rispetto ai database relazionali.

I database No-SQL sono noti per la loro scalabilità, la loro flessibilità e la loro capacità di gestire grandi quantità di dati non strutturati. Sono ampiamente utilizzati in applicazioni Web e in ambienti in cui i dati sono altamente variabili o non strutturati. Tuttavia, i database No-SQL hanno anche alcune limitazioni, tra cui la complessità nella gestione delle relazioni tra i dati e la mancanza di standardizzazione.

Differenze tra database SQL e No-SQL

Ci sono diverse differenze tra i database SQL e No-SQL, tra cui:

  • Struttura dei dati: nei database SQL, i dati sono organizzati in tabelle con righe e colonne, mentre nei database No-SQL i dati possono essere organizzati in documenti, colonne o grafi.
  • Linguaggio di interrogazione: nei database SQL, il linguaggio di interrogazione utilizzato è SQL, mentre nei database No-SQL non esiste un linguaggio di interrogazione standard.
  • Scalabilità: i database No-SQL sono noti per la loro scalabilità orizzontale, che consente di aggiungere facilmente nuovi nodi al database per gestire grandi quantità di dati. I database SQL, d’altra parte, sono noti per la loro scalabilità verticale, che prevede l’aggiunta di risorse hardware più potenti per gestire grandi quantità di dati.
  • Gestione delle relazioni: nei database SQL, le relazioni tra i dati sono gestite tramite chiavi primarie e chiavi esterne, mentre nei database No-SQL le relazioni possono essere gestite in modo diverso a seconda del tipo di database utilizzato.
  • Flessibilità: i database No-SQL sono noti per la loro flessibilità nella gestione dei dati non strutturati, mentre i database SQL sono più adatti per la gestione di dati altamente strutturati.

Quando utilizzare un database SQL

I database relazionali SQL sono stati il metodo di archiviazione dei dati più diffuso per decenni, grazie alla loro struttura tabellare e al supporto delle transazioni ACID (Atomicity, Consistency, Isolation, e Durability). Sono particolarmente adatti a situazioni in cui è importante garantire la coerenza e l’integrità dei dati, ad esempio in applicazioni finanziarie o di e-commerce.

Proviamo a semplificare con un esempio:

database SqL - transazioni ACID
    • Dati strutturati: se i dati che si desidera archiviare sono di natura strutturata e seguono un formato rigido, come ad esempio i dati in una tabella di un foglio di calcolo, un database relazionale SQL potrebbe essere la scelta migliore.
    • Integrità dei dati: se è importante garantire l’integrità dei dati, ad esempio in applicazioni finanziarie, un database relazionale SQL con supporto per le transazioni ACID è la scelta migliore.
    • Query complesse: se si prevede di effettuare query complesse che richiedono la join di più tabelle, un database relazionale SQL è più adatto poiché ha un sistema di query più flessibile e sofisticato.
    • Scalabilità verticale: se si prevede di utilizzare una macchina server potente con molte risorse di elaborazione e memoria, un database relazionale SQL potrebbe essere in grado di gestire un volume elevato di dati.Ecco alcune situazioni in cui un database SQL potrebbe essere la scelta migliore:

In generale, i database relazionali SQL sono particolarmente adatti a situazioni in cui i dati sono altamente strutturati e in cui è importante garantire la coerenza e l’integrità dei dati. Tuttavia, i database SQL possono avere alcune limitazioni in termini di scalabilità orizzontale e di gestione di grandi quantità di dati non strutturati.

Quando utilizzare un database No-SQL

I database No-SQL sono stati sviluppati per affrontare alcune limitazioni dei database relazionali SQL, come la scalabilità orizzontale e la gestione di grandi quantità di dati non strutturati. Sono particolarmente adatti a situazioni in cui la flessibilità e la velocità di elaborazione dei dati sono fondamentali.

Ecco alcune situazioni in cui un database No-SQL potrebbe essere la scelta migliore:

  • Scalabilità orizzontale: se si prevede di gestire grandi quantità di dati e si desidera scalare l’architettura in modo orizzontale, aggiungendo nodi al cluster invece di potenziare una singola macchina server, un database No-SQL potrebbe essere la scelta migliore.
  • Dati non strutturati: se si desidera archiviare grandi quantità di dati non strutturati, come ad esempio log di server o dati di social media, un database No-SQL che utilizza una struttura di dati flessibile come i documenti JSON potrebbe essere la scelta migliore.
  • Velocità di lettura/scrittura: se la velocità di lettura e scrittura dei dati è fondamentale, ad esempio in applicazioni in tempo reale come i giochi online o i sistemi di chat, un database No-SQL potrebbe essere la scelta migliore poiché è ottimizzato per le operazioni di scrittura e lettura rapida.
  • Distribuzione geografica: se si prevede di archiviare i dati in diverse posizioni geografiche e garantire una bassa latenza di accesso ai dati, un database No-SQL che supporta la replicazione multiregionale potrebbe essere la scelta migliore.

In generale, i database No-SQL sono particolarmente adatti a situazioni in cui i dati non sono altamente strutturati e in cui la scalabilità orizzontale e la flessibilità sono fondamentali. Tuttavia, i database No-SQL possono avere alcune limitazioni in termini di integrità dei dati e query complesse.

L’importanza dell’analisi

In conclusione, sia i database SQL che i database No-SQL hanno  specifiche caratteristiche e specifici vantaggi. La scelta del tipo di database dipende dalle particolari esigenze del progetto e dalle peculiarità dei dati che devono essere archiviati e gestiti.

Prima di iniziare a progettare un sistema di gestione dei dati, è importante svolgere una fase di analisi approfondita per comprendere le esigenze del progetto e i requisiti dei dati. Questo permetterà di scegliere il tipo di database più adatto per gestire i dati in modo efficiente e affidabile.

Inoltre, anche se i database No-SQL sono spesso associati a una maggiore scalabilità orizzontale e flessibilità, ci sono casi in cui un database SQL può essere la scelta migliore. Ad esempio, se il progetto richiede un alto livello di integrità dei dati, un database SQL può fornire funzionalità di transazione avanzate e un controllo delle relazioni tra i dati.

In sintesi, scegliere il tipo di database giusto per un progetto richiede una comprensione approfondita delle specifiche esigenze del progetto e dei dati coinvolti. Fare una scelta accurata inizialmente può garantire una gestione efficiente e affidabile dei dati nel lungo termine.


Se anche tu vuoi occuparti di importanti progetti di sviluppo software
dai un’occhiata alle nostre opportunità di lavoro e conosciamoci subito!

Questo sito utilizza cookies propri e si riserva di utilizzare anche cookie di terze parti per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle scelte di navigazione.
Per maggiori dettagli e sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie è possibile consultare la Cookie Policy.

USO DEI COOKIE

Se abiliti i cookie nella tabella sottostante, ci autorizzi a memorizzare i tuoi comportamenti di utilizzo sul nostro sito web. Questo ci consente di migliorare il nostro sito web e di personalizzare le pubblicità. Se non abiliti i cookie, noi utilizzeremo solo cookies di sessione per migliorare la facilità di utilizzo.

Cookie tecnicinon richiedono il consenso, perciò vengono installati automaticamente a seguito dell’accesso al Sito.

Cookie di statisticaVengono utilizzati da terze parti, anche in forma disaggregata, per la gestione di statistiche

Cookie di social networkVengono utilizzati per la condivisione di contenuti sui social network.

Cookie di profilazione pubblicitariaVengono utilizzati per erogare pubblicità basata sugli interessi manifestati attraverso la navigazione in internet.

AltriCookie di terze parti da altri servizi di terze parti che non sono cookie di statistica, social media o pubblicitari.